Dopo la prima edizione, nel cartellone ufficiale di Matera Capitale europea della Cultura 2019, dal 2020 il format Open Sound riunisce altri tre festival e realtà artistiche consolidate del territorio lucano: Pollino Music Festival, Metaponto Beach Festival, Vulcanica Live Festival. 

Le 3 associazioni promotrici dei festival e il Centro Cecilia, hanno infatti costruito una rete che, da qui ai prossimi anni, li vedrà lavorare fianco a fianco per generare un sistema regionale di festival basati su produzioni originali contemporanee costruite a partire dalle antiche sonorità lucane: contenuti artistici con una forte identità territoriale, ma al contempo fruibili in una dimensione contemporanea sia nazionale che internazionale.

Anche quest’anno Open Sound è partito lanciando #OSA, la call aperta a producers che hanno accolto la sfida di ricodificare, in chiave contemporanea, sonorità antichissime appartenenti al patrimonio lucano, presentando una traccia inedita costruita a partire dallOpen Sound Library (OSL)

Con la call sono stati selezionati 9 candidati che hanno partecipato allOpen Sound Academy presso il Cecilia, Centro per la creatività di Tito (PZ): due giorni di seminari, ascolti, esperienze one to one, showcases e masterclass e, alla sera, le auditions/esibizioni, dei partecipanti.

Durante l’Open Sound Academy sono stati individuati 3 giovani talenti per lavorare, insieme ai guest producers Stabber, Clap!Clap!, Yakamoto Kotzuga, ad una produzione originale che sarà presentata dal vivo il 26 settembre a Matera, con la direzione musicale di Giorgio Mirto e la direzione artistica di Alioscia Bisceglia.

In autunno i tre proseguiranno partecipando al percorso di formazione di _resetfestival, il festival dell’innovazione musicale a Torino (5-10 ottobre 2020) ed esibendosi infine a Linecheck 2020, main content partner della Milano Music Week dal 16 al 22 novembre 2020.